La temperatura mite, i colori, i profumi di dolci fatti in casa, i plaid… tutto ciò che amo dell’autunno. In particolar modo inizio ad avere voglia di indossare e arredare con colori quali il verde petrolio, il blu, il mattone e tutto ciò, non so perché, mi fa venire voglia di organizzare un nuovo viaggio.

Purtroppo dovrò aspettare qualche giorno per salire su un aereo e trascorrere il weekend fuori porta, per adesso mi sono dovuta accontentare di una magnifica mostra fotografica: Steve McCurry.

In una magnifica cornice, Siracusa con la sua Ortigia, presso l’ex convento di San Francesco d’Assisi troverete fino al 5 novembre 2017 questa interessante quanto unica nel suo genere esibizione.

Sono un’amante della fotografia, della musica, del cinema, dei libri, dell’arte in ogni sua forma. Posso definirmi un’esteta, amo tutto ciò che trovo bello. Il bello è soggettivo, non c’è una definizione universale eppure posso provare a farvi vedere bello qualcosa che a me è piaciuto in particolar modo.

Steve McCurry è un fotoreporter statunitense diventato famoso per i suoi ritratti scattati nelle zone belliche tra Afghanistan e Pakistan, i primi scatti che mostrano il conflitto al mondo. Lui si appassiona a questa tematica tanto da continuare a fotografare i conflitti internazionali, tra cui le guerre in Iran e Iraq, Beirut, Filippine, Cambogia, Guerra del Golfo.  Appunto ritratti, perchè lui si sofferma sulle conseguenze della guerra nei volti, nella condizione umana.

 

La sua fotografia più famosa è la Ragazza Afgana, scattata in un campo profughi in Pakistan, vicino Peshawar.  McCurry rimase così colpito dai suoi occhi che decidette di fotografarla, per lei era la prima volta che vedeva un obiettivo. E che dire, è stato raggiunto lo scopo: lasciare in chi lo osserva un’emozione.

Non ho intenzione di annoiarvi con tutte le storie delle immagini che ho visto, lo trovo riduttivo, visto e considerato che se decidete di vedere la mostra vi verrà consegnata un’audio guida che racconterà ogni dettaglio.

Vi lascio qualche scatto dello scatto fatto da me. Io ho amato in particolar modo i ritratti con i colori rosso, blu e verde, mi hanno regalato una forte emozione e tanta serenità.

  • Guarda: ogni singolo dettaglio
  • Prova: a immedesimarti in ogni storia narrata, non ve ne pentirete.
  • Ama: la fotografia.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.